I controlli senologici in gravidanza

Cambiamenti fisiologici della Ghiandola Mammaria

Le mammelle cambiano considerevolmente durante tutta la gravidanza.Aumentano di volume, aumenta la pigmentazione dell’areola, i capezzoli diventano più sporgenti e si manifesta un senso di tensione e di pesantezza.

Durante il primo trimestre, per sotto l'effetto della stimolazione estrogenica, si determina la ramificazione e la formazione di nuovi dotti, processo accompagnato dal 'risparmio' involutivo del tessuto fibroadi-adiposo e da un aumento della vascolarizzazione.

Durante il secondo e terzo trimestre, il progesterone induce l’iperplasia dei lobuli e l’involuzione fibroadiposa del parenchima mammario. La secrezione della prolattina viene inibita dagli estrogeni e dal progesterone che diminuiscono fino a scomparire dopo il parto, quando la prolattina ha il sopravvento e si manifesta la secrezione del latte, stimolata dalla suzione del neonato, processo che induce il rilascio sia di ossitocina che prolattina.

In relazione ai cambiamenti descritti, la gravidanza determina una proliferazione del tessuto ghiandolare mammario con aumento volumetrico delle mammelle e crea la sensazione di nodularità. Tali aspetti rendono difficoltoso l’esame obiettivo senologico, e anche se rappresentano quasi sempre il normale adattamento della mammella agli elevati livelli di estrogeni della gravidanza, ma possono anche nascondere qualcosa di più serio.

Controlli senologici: quando è bene farli?

Vediamo insieme quando è necessario richiedere una valutazione Senologica:

1.Un Addensamento duro, a margini irregolari, anche dolente, che non cambia nelle 2 settimane successive al riscontro ci si deve sottoporre a visita Senologica ed ecografia Mammaria .

2. Un Nodulo che compare anche improvvisamente e che non sparisce entro 2 settimane per cui è necessario eseguire una ecografia presso il Senologo Radiologo di riferimento.Se il nodulo è solido alla ecografia a seconda delle caratteristiche ecografiche è indicato un ulteriore approfondimento diagnostico .

3. Una Mammella che diventa rossa, dura, calda , edematosa, con pelle ispessita e capezzolo fisso. Siamo di fronte al quadro clinico della mastite, che si presenta con una certa frequenza dopo il parto e durante l’allattamento, ma è rara in corso di gravidanza, è indicata anche in questo caso la visita Senologica accompagnata dall'ecografia mammaria.

Se inoltre prima della gravidanza si eseguivano già i controlli per familiarità o pregressa patologia mammaria, non c’è bisogno di smettere di fare i controlli senologici.

Come abbiamo visto l'ecografia può essere sempre eseguita durante tutta la gravidanza. Non bisogna infatti mai sottovalutare una alterazione persistente della mammella che insorge in gravidanza.

Post in evidenza
Post recenti